Descrizione e Catalogazione dei manoscritti: Il Manoscritto Aldini 283 della Biblioteca Universitaria di Pavia

Please download to get full document.

View again

of 17
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Similar Documents
Information Report
Category:

BusinessLaw

Published:

Views: 14 | Pages: 17

Extension: PDF | Download: 0

Share
Description
Descrizione e Catalogazione del manoscritto Aldini 283 della Biblioteca Universitaria di Pavia per l'esame di Descrizione e catalogazione dei manoscritti del professor Sandro Bertelli - Unife
Tags
Transcript
  Descrizione e Catalogazione dei manoscritti: Il Manoscritto Aldini 283 della Biblioteca Universitaria di Pavia Federica Gatti   Matr. 141839    Descrizione esterna: Manoscritto cartaceo con guardie cartacee; fascicoli legati, datato alla seconda metà del XIV secolo e formato da 83 carte (I + 81 + I’).Carta spessa di color avorio dove sono distinguibili filoni e vergelle.Mancano le carte 32 e 39 che contenevano il Purgatorio di Dante Alighieri dal verso 109 del canto V al verso 5 del canto VII e dal verso 64 del XIV canto al verso 93 del canto XV.Le carte 1r e 83v presentano il timbro della Biblioteca Universitaria di Pavia .Attuale segnatura del manoscritto: Aldini 283 (PAV.283)Materiale di cui è fatto il codice: cartaceo Dimensioni e formato : mm 283x210 (misurazione alla c.1), formato in folio (quattro facciate ossia due carte).Numero carte:83 carte (I + 81 + I)Filigrane : Bilancia iscritta in un cerchio di mm 55x40 (Tipo Briquet 2445) rilevata alla c.1 ; Ancora di mm 55x40 (tipo Briquet 445) rilevata alle cc.16,18,19,23 (ben visibile anche ad occhio nudo e senza l’ausilio della lampada di Wood),25,38,57,59,60.Ancora rovesciata (tipo Briquet 432 a testa in giù) alle cc.11,17,46,47,48,49,50,52,61.Filigrane situate al centro della pagina.Fascicolazione : Sono presenti 9 fascicoli, i primi 3 quinioni, il 4 quaternione,dal fascicolo 5 all’8 quinioni e l’ultimo ternione.Il IV fascicolo, srcinariamente quinione, manca delle carte 32 e 39.  1 quinione 10 c Richiamo “l’arpie pascendo” c.101 quinione 10 c Richiamo “si come nuvoletta” c.201 quinione 10 c. Richiamo “si chambedue”c.301 quaternione 8 c. Richiamo “marco mio dissio” c.381 quinione 10 c.Richiamo “e disiso ancora” c.481 quinione 10 c. Richiamo “li angeli frate” c.581 quinine 10 c. Richiamo “e quinci appar”c.681 quinione 10 c.Richiamo“e siccome di lei”c.781 ternione 6 c.Richiamo --1-3 10 ,4 8* ,5-8 10 ,9 6 Richiami: Segnatura dei fascicoli con richiami orizzontali posti nel margine inferiore a sinistra.Rigatura : rigatura a piombo per le cc.1-2 e a secco per le cc.3-81 Specchio Rigato: Squadratura interna del foglio visibile, rigata a piombo, con scrittura che inizia sopra la riga di testa (Above top-line), la lunghezza dello specchio è di 220mm la sua larghezza di 155 mm.Righe: il numero di righe non è fisso ma varia da 40 a 45Disposizione testo: Testo disposto su 2 colonne.Scrittura e Mani: Sono distinguibili 2 mani, scrittura semi gotica per cc.1-2; Bastarda corsiva cc.3-81. La prima lettera di ogni terzina presenta sempre una linea orizzontale che la taglia in metà. La scrittura dei primi due fogli (c. 1-2) è probabilmente più tarda rispetto a quella del resto del manoscritto (c.3-81).  Decorazione: Iniziali di cantica decorate con semplici motivi ornamentali di tipo vegetale.Iniziali rosse dei canti e iniziali di terzina rosse.Legatura: in cartoni ricoperta di pergamena di mm 290x220, sul dorso è presente il cartellino.Cartulazione: Tracce di antica numerazione in cifre arabiche sul recto nell’angolo superiore destro di ogni carta. Segnatura moderna a matita in cifre arabe sul recto, situata nell’angolo superiore destro appena sotto quella antica.Storia del manoscritto: Il codice, come risulta da un’impronta scritta a rovescio sul foglio di guardia , appartenne a Torquato Perotti Sentini E.pi Amerini (V.Ughelli Italia Sacra I.304), vescovo di Amelia tra il 1633 e il 1642.Le vicende che portarono il manoscritto Aldini 283 a far parte del patrimonio librario della Biblioteca Universitaria di Pavia presero avvio nell’ottobre del 1830 in seguito alla decisione di Pier Vittorio Aldini di vendere, per ragioni finanziarie, la sua collezione di manoscritti. Discendente di un'illustre famiglia di studiosi di Cesena, professore di Archeologia, numismatica e diplomatica dal 1819 al 1842 e Rettore dell'Università di Pavia nel 1836-37, Aldini aveva raccolto, con gran dispendio di capitali, numerosi manoscritti con l'intento di preservarli dal rischio che questi venissero portati in Francia a causa della soppressione degli ordini religiosi, per le invasioni ultramontane e l’incuria dei nazionali ( “vulgo dispersae prae minibus cujuscumque facile versabantu”  ); ma non specifica dove e da chi li abbia raccolti.Luigi Lanfranchi, direttore dell’Universitaria, conoscendo il valore della raccolta, cercò in tutti i modi di acquistarla e chiese perciò un aiuto finanziario al viceré del regno lombardo-veneto.Cominciò così una lunga trattativa con il governo austriaco che portò nell’ottobre 1840 alla concessione di un contributo straordinario per l’acquisto . Nel frattempo il Lanfranchi aveva fatto approntare dall’Aldini stesso il catalogo dei manoscritti antichi e moderni da lui posseduti. Nell’ottobre del 1840, la collezione venne quindi venduta dall’Aldini al governo di Lombardia e da questo trasmessa alla Biblioteca.  Il manoscritto in esame è uno dei codici che l’Universitaria acquistò dall’Aldini e fa parte del fondo Aldini con segnatura PAV.283Nomi collegati al Manoscritto: Torquato Perotti da Lentini - possessore e vescovo di Amelia (Trani).Pier Vittorio Aldini - possessore Luigi Lanfranchi - direttore della Biblioteca Universitaria di Pavia che lavorò all’acquisizioneData di entrata in biblioteca: 1840Stato di Conservazione: Stato di conservazione molto buono anche se sono riscontrabili alcune macchie di umidità e inchiostro. Vi sono alcuni buchi di tarli sui margini ma mai nello specchio di scrittura, segni di piegatura su alcune carte.Collocazione cd: Mediateca nas bu 194Collocazione vol. srcinale: Aldini 283 Descrizione Interna: DANTE ALIGHIERI. La Divina Comedia.Cart.;83 n.(I + 81 + I’) mancano le carte 32,39; tracce di antica numerazione in cifre arabiche, sul recto nell’angolo superiore destro dei fogli; numerati modernamente in cifre arabiche a matita, sul recto, nell’angolo superiore destro.Incipit:”Incipit primus Cantus prime Comedie dantis (in rosso)|| Nel mezo del del camino de nostra vita. (c.1r)
Recommended
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks
SAVE OUR EARTH

We need your sign to support Project to invent "SMART AND CONTROLLABLE REFLECTIVE BALLOONS" to cover the Sun and Save Our Earth.

More details...

Sign Now!

We are very appreciated for your Prompt Action!

x