Le polemiche dantesche fra Giovanni Iacopo Dionisi e Baldassarre Lombardi. Con dodici lettere inedite (II)

Please download to get full document.

View again

of 27
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Similar Documents
Information Report
Category:

Religious & Philosophical

Published:

Views: 10 | Pages: 27

Extension: PDF | Download: 0

Share
Description
Le polemiche dantesche fra Giovanni Iacopo Dionisi e Baldassarre Lombardi. Con dodici lettere inedite (II)
Tags
Transcript
  39, Nuova Serie gennaio-giugno 2012anno LIII L’ALIGHIERI  Rassegna dantesca fondata da Luigi Pietrobono e diretta da Andrea Battistini, Saverio Bellomo, Giuseppe Ledda SAGGI Paola Allegretti5Dante geremiade: un modello per la Vita nova Saverio Bellomo19Virgole infernali: alcune considerazioni sul problema dell’interpunzione Simon A. Gilson31“Aristotele fatto volgare” and Dante as “Peripatetico”in Sixteenth-Century Dante CommentaryLuca Mazzoni65Le polemiche dantesche fra Giovanni Iacopo Dionisie Baldassarre Lombardi. Con dodici lettere inedite(Seconda parte) LECTURAEDANTIS Selene Sarteschi91Canto di Guido da Montefeltro o di Bonifacio VIII ? Lettura di  Inferno XXVII Erminia Ardissino 109Nuclei tematici nel canto di Piccarda ( Paradiso III ) NOTE Giorgio Inglese 123Una discussione sul testo della Commedia dantescaFilippo Zanini 133“Simulacra gentium argentum et aurum”.Parodia sacra e polemica anticlericale nell’  Inferno Giorgio Sica 149Oltre il velo. La visione del divino in Virgilio e Dante RECENSIONI Lorenzo Mainini 157Rec. a Zygmunt G. Bara ń ski e Martin McLaughlin,  Dante the Lyric and the Ethical Poet / Dante lirico ed etico Martino Marazzi 160Rec. a Sara Fortuna, Manuele Gragnolati e Jürgen Trabant,  Dante’s Plurilingualism. Authority, Knowledge, Subjectivity Valentina Atturo 164Rec. a Giuseppe Ledda,  La Bibbia di Dante. Esperienzamistica, profezia e teologia biblica in Dante Gabriella Addivinola 168Rec. a Paolo Falzone,  Desiderio della scienza e desiderio di Dio nel «Convivio» di Dante Elisa Squicciarini 171Rec. a Emilio Pasquini e Carlo Galli,  Lectura Dantis  Bononiensis , vol. I  DirezioneAndrea Battistini, Saverio Bellomo, Giuseppe LeddaComitato d’onoreRobert Hollander, Mario Marti,John Freccero, Karlheinz StierleComitato scientificoZygmunt Bara ń ski, Teodolinda Barolini, Lucia Battaglia Ricci,Bodo Guthmüller, Emilio Pasquini,Jeffrey T. Schnapp, Luigi Scorrano, John ScottI collaboratori sono pregati di inviare copia del loro contributo(sia per attachment che per posta) al seguente indirizzo:Prof. Andrea Battistini - Università di BolognaDipartimento di Filologia classica e Italianistica Via Zamboni 32 - 40126 Bologna - Italia (e-mail: andrea.battistini@unibo.it)I volumi per eventuali recensioni debbono essere inviati alProf. Andrea Battistini, vedi indirizzo sopra  Abbonamenti e amministrazione : A. Longo Editore - Via Paolo Costa 33 - 48121 RavennaTel. 0544.217026 Fax 0544.217554 www.longo-editore.ite-mail: longo@longo-editore.it  Abbonamento 2012 Italia :  € 40,00 (due fascicoli annui)  Abbonamento 2012 estero :  € 60,00 estero (due fascicoli annui)I pagamenti vanno effettuati anticipatamente con assegno, vaglia postaleo con versamento sul ccp 14226484oppure con carta di credito (solo Visa o Mastercard) e intestati a Longo Editore - RavennaISBN 978-88-8063-709-7 © Copyright 2012 A. Longo Editore sncAll rights reservedPrinted in Italy  L UCA M AZZONI (Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano) LE POLEMICHE DANTESCHEFRA GIOVANNI IACOPO DIONISI E BALDASSARRE LOMBARDI.CON DODICI LETTERE INEDITE (Seconda parte) * Considerate le accuse che Dionisi ha rivolto a Lombardi nei  Blandimenti fu-nebri , si legge con curiosità la minuta, di mano di Perazzini, della lettera inviatada Dionisi a Lombardi come accompagnamento di quest’opera: 10 1 .M.to Rev.o Padre Maestro Baldassar LombardiRoma 23 Ottobre 1794Se io non fossi persuaso dell’ottima disposizione di V.P. M.to Rev.a a ricever dame con animo equo i Blandimenti Funebri, che ho testé pubblicati, quantunque variecose contengano a’ di Lei pareri (se non d’adesso, d’una volta) contrarie, me n’asterreicertamente, per non dispiacerle nell’atto stesso, che intendo di usarle una buona gra-zia, e di remunerarla in qualche maniera di ciò ch’Ella mi ha cortesemente donato. Ègià qualche anno, ch’Ella ha terminato la faticosa sua impresa, e n’ha, credo, distac-cato il pensiero; sicché de’ essere a portata di legger a sangue freddo alcune verità daLei con istudio lodevole investigate; né Le può esser discaro di vederle da altri, o dame, a comune disinganno dichiarate ed esposte. Su tale fiducia Le mando in dono unesemplare del detto opuscolo, in cui vedrà (nel Proemio Anotaz. [ sic ] (a) pag. 8) unaprova di ciò, che Le ho promesso altra volta, di far cioè giustizia al suo merito 2 , dovenel suo Comento o per lezioni, o per ispiegazioni, V.P. M.to Rev.a abbia imbroccatonel vero: e s’Ella fosse stata sì felice in tutte le altre cose del nostro Dante, che iviper accidente si trattano, io Le avrei fatta senza dubbio l’istessa giustizia, e mi sareicon ingenuità ritrattato di qualunque mia più cara opinione. Ma se non qui, ciò si ve-rificherà in altro incontro. Rimanga intanto in tra di noi illesa la mutua carità, la qualeper letterarie contese non dee né perdersi, né scemarsi: e dimandandole benigno com-patimento d’ogni ancorché minima parola, in cui fossi trascorso, che ragionevolmentedispiacer le potesse, m’esibisco a’ suoi comandi, dicendomi con istima ed affetto Di V.P. M.to Rev.a * La prima parte del saggio è stata pubblicata su «L’Alighieri», 38 (2011), pp. 29-56. 1 La trascrizione segue fedelmente l’srcinale, anche nell’interpunzione e nelle maiuscole; usoil carattere corsivo per i termini che nell’srcinale sono sottolineati. 2 Nella lettera n° 9, pubblicata nella prima parte di questo articolo, Dionisi assicura Lombardi:«Non mancherò di farle giustizia cogli amici e col publico in tutto quello che dal tenue mio ingegnosarà riconosciuto per buono» nell’edizione a stampa del commento. «L’Alighieri», 39 (2012)  LUCAMAZZONI 66 Dionisi, insomma, chiarisce fin da subito che esistono dei punti di dissensocon Lombardi, anche se, con abile mossa dialettica, mette in rilievo l’unico puntoin cui i  Blandimenti funebri lodino l’opera di Lombardi 3 . Avendo inoltre a mentele severe accuse, riportate nella prima parte di questo contributo, che Dionisi ri-volge a Lombardi nei  Blandimenti funebri , non suona inappropriata la richiestadi «benigno compatimento» per le parole in cui il canonico dovesse avere tra-scorso, con cui si chiude la lettera. La risposta di Lombardi appare molto più reticente, certo perché il france-scano non ha avuto modo di leggere i  Blandimenti funebri , dato che la lettera èstata scritta nel giorno stesso in cui gli è stata recapitata l’opera di Dionisi (tremesi dopo la lettera precedente!): 11. Ill.mo e Rev.mo Sig. P.ron Col.moIn questa mattina, 24 Genn.o, mi furono da questo Sig. Agente Veneto gentilmentetrasmessi i  Blandimenti funebri insieme colla pregiatissima lettera di V.S. Ill.ma eRev.ma data li 23 Ottobre dello scorso Anno. Mi compiaccio sommamente di esserea memoria di V.S., e gliene rendo grazie distintissime. Per quanto nel di lei libro os-servo, una delle correzioni, per lo meno, sarà da me accettata, quella cioè Par. X 119,ove, dopo di avere nello scartafaccio mio notata la lezione tempi della Nidobeatina,ed aggiuntovi un ricordo di vedere a quel passo l’Anedd.o 2 della S.V., non so in qualmodo, tutto m’è sfuggito di vista. L’intenzione mia, se non si muta, è di dare un fogliod’aggiunta al mio Dante, ed in esso ammettere e rigettare quanto mi parrà bisogne-vole. Ciò succedendo mi farò la dovuta premura di fargliene tenere copia. E di nuovograzie rendendole del pregiabiliss.o donativo, pieno di stima ed ossequio rimango Della S.V. Ill.ma e Rev.ma Umiliss. ed Obblig.mo ServitoreF. Baldassarre Lombardi M.C.Roma 24 Genn.o 1795 Qualche mese dopo, Lombardi scrive di nuovo a Dionisi, inviandogli «duefogli» con le repliche alle contestazioni emerse nei  Blandimenti funebri : 12. Ill.mo e R.mo Sig. P.ron Col.moPer lo stesso Sig. Ab. Parisi 4 agente di cotesta Serenissima Repubblica, per mezzodel quale V.S. Ill.ma e R.ma mi favorì de’ suoi  Blandimenti Funebri , trasmetto io Leil’aggiunta di due fogli che faccio al Dante in risposta. La facciam noi come fanno gliAvvocati, che pubblicamente aringando si vituperano, privatamente però coltivano 3 Nella nota a di p. 8, Dionisi approva la correzione di Lombardi a Par  . XIII , 104 («Regal pru-denza è quel vedere impari»), poi nell’ed. della Crusca del 1837, in Vandelli e Petrocchi. Nel quinto  Aneddoto , Dionisi proponeva invece di emendare il vulgato «Regal prudenza e quel vedere impari»abolendo la copulativa ( Serie di Aneddoti num. V  . De’ codici fiorentini , in Verona, per li Eredi Ca-rattoni, MDCCXC , p. 65). 4 Cenni su Francesco Parise (questa la corretta forma del cognome) in F. A GOSTINI ,  Istituzioniecclesiastiche e potere politico in area veneta (1754-1866) , Venezia, Marsilio, 2002, p. 174, nota306; pp. 182-83, nota 354.  LEPOLEMICHEDANTESCHEFRAGIOVANNIIACOPODIONISIEBALDASSARRELOMBARDI 67 tra di loro l’amicizia. Sono io adunque e sarò costantemente Della Sig.a V.a Ill.ma e R.maUmiliss. ed Obbligatiss. Servo ed AmicoF. Baldassarre Lombardi M.C.Roma 6 Giugno 1795 5 Di questi fogli, tuttavia, non c’è traccia, né nelle carte Dionisi a Verona, nénelle successive vicende dei rapporti fra i due: essi sono probabilmente alla basedi un foglio volante, dal titolo Esame delle correzioni che pretendeva doversi fare nell’edizione originale del 1791 il veronese monsignor canonico Gio. Ja-copo de’ marchesi Dionisi ne’ suoi Blandimenti funebri stampati in Padova nel-l’anno 1794 . Lombardi pubblicò quest’opera, priva di data, nel 1795 6 ; maoccorre precisare che il terminus post quem è il 6 giugno 1795, anno della letteraappena pubblicata, nella quale credo si annunci, appunto, quello che diventeràl’ Esame delle correzioni , che fu certo pubblicato prima dell’edizione bodonianadella Commedia a cura di Dionisi (la quale, benché porti la data 1795, fu stam-pata probabilmente tra la fine del 1796 e l’inizio del 1797) 7 . Lo si arguisce dalfatto che in esso non si faccia motto delle critiche rivolte da Dionisi a Lombardinelle  Aggiunte critiche della Bodoniana del 1795. Lo scritto di Lombardi saràripubblicato nella ristampa del 1815 dell’ed. Lombardi 8 , e, di nuovo, nell’ed. pa-dovana del 1822 9 . Occorre infine precisare che Lombardi, nell’ Esame delle cor-rezioni , non si limita a controbattere alle critiche espresse nei  Blandimenti funebri circa il testo della sua edizione del 1791, ma formula anche delle osser-vazioni relative alle proposte di emendazione del testo vulgato della Commedia che Dionisi esponeva in quell’opera. L’ Esame delle correzioni riveste un particolare interesse per il lettore mo-derno interessato a ponderare il valore dell’intervento critico di Lombardi in rap-porto a Dionisi, perché in esso vengono discusse partitamente numerose propostetestuali ed esegetiche relative alla Commedia , che mi accingo a riassumere alla 5 Nel margine inferiore della missiva, di mano di Dionisi: «11 Luglio scritto al Parisi perchémi mandi i due fogli». 6 Amelia Cosatti segnala che la prima ed. dell’ Esame delle correzioni è priva di data, ma nel ti-tolo fa riferimento ai  Blandimenti funebri […] stampati in Padova nello scorso anno 1794 , dal chesi deduce che il foglio uscì nel 1795:  La riscoperta di Dante da Vico al primo Risorgimento, mostra per il VII  Centenario della nascita di Dante, Roma, 12 dicembre 1965-15 marzo 1966  , catalogo diA. C OSATTI ,Roma, Accademia nazionale dei Lincei, 1967, n° 50. 7  La Divina Commedia nell’edizione bodoniana del 1795 , notizia introduttiva di A. C IAVARELLA […], I , Milano, Vallardi, MCMLXV , p. 13. 8 [B. L OMBARDI ,] Esame delle correzioni che pretendeva doversi fare nell’edizione srcinaledel 1791 il veronese monsignor canonico Gio. Jacopo de’ marchesi Dionisi ne’ suoi Blandimenti funebri stampati in Padova nell’anno 1794 , in  La Divina Commedia di Dante Alighieri, correttaspiegata e difesa dal P. Baldassarre Lombardi M.C. nel  MDCCXCI   , riscontrata ora sopra preziosicodici, nuovamente emendata, di molte altre vaghe annotazioni, e d’un volume arricchita, in cuitra le altre cose si tratta della Visione di frate Alberico , I , Roma, nella Stamperia De Romanis, MDCCCXV , pp. XIX - XL . Cito l’ Esame delle correzioni da questa ed. 9  La Divina Commedia, col comento del P. Baldassarre Lombardi, ora nuovamente arricchito dimolte illustrazioni edite ed inedite , V , in Padova, dalla Tipografia della Minerva, MDCCCXXII , pp. 369-90.
Recommended
View more...
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks
SAVE OUR EARTH

We need your sign to support Project to invent "SMART AND CONTROLLABLE REFLECTIVE BALLOONS" to cover the Sun and Save Our Earth.

More details...

Sign Now!

We are very appreciated for your Prompt Action!

x